archivio

Nuove uscite

La demo di Resident Evil Revelations è su 3DS, ora!

Piccoli passi: da qualche parte, in una libreria americana, esiste di sicuro un manuale con questo nome, dedicato a chi è terrorizzato dal nuovo. E allora vai di “piccoli passi”, così che non ti viene lo schioppone a cambiare il piede con cui scendi dal letto. E a dirla tutta, c’era o non c’era un grandioso pezzo dei vecchissimi Elio e le Storie Tese dedicato all’abitudinario? Quello in ascensore, ecco. Comunque sia, la storia dei piccolo passi va benissimo anche per descrivere l’atteggiamento di Nintendo di fronte a tutto ciò che è nuovo. Intendiamoci: dalle parti di Kyoto tutto ciò che non corrisponde alla tecnologia o al modello di business inizialmente concepito per il NES, è visto come nuovo. O come stregoneria, rock’n roll del diavolo, drogabrutto e via andando. Sta di fatto che solo oggi, e finalmente, nascono le prime demo per un sistema di gioco Nintendo. Succede su 3DS, il cui eShop ospita da un paio d’ore due download: Resident Evil Revelations e Cooking Mama 4.

Read More

Annunci

Iwata-san in diretta col quado svedese

Gli schiaffi fanno bene a Nintendo. D’altronde, come si diceva un tempo in cui si badava di più al sodo: “ora te ne do un paio così piangi per qualcosa”. A ben vedere Nintendo non ha mai pianto sul 3DS versato, come ogni società quotata in borsa non poteva farlo. Non prima di avere, a suo parere, posto rimedio alla cosa. Quindi, dopo aver tagliato con l’accetta il prezzo la scorsa estate, ha ricominciato a lavorare. O meglio: ha cominciato a lavorare sul 3DS. Da queste parti la console col 3D ha avuto un glorioso autunno e uno splendido Natale, tra giochi, messaggi animati, finalmente un po’ di roba da scaricare, nuovi puzzle da scambisti e grotte infuocate da debellare a colpi di Palletta (solo terzo livello lei, viene dura, ma vabbé).
Gli schiaffi hanno fatto talmente bene che ora si parla di quattro milioni di console vendute in anticipo sui tempi, cioé sui “secondi tempi”, ovvero sulla seconda previsione, quella fatta quando le manate stavano già volando in formato rosario, come direbbe un Enzo Braschi di tanti secoli addietro. Gli schiaffi hanno fatto talmente bene che per il post-cenone Natalizio, Iwata ha preparato una puntata inattesa di quella che potrebbe diventare un’apprezzabile abitudine, il riferimento è a Nintendo Direct. Poche ore fa in Giappone è andato “in onda” una registrazione di 70 minuti in cui il presidentissimo ha spiegato alla sua patria cosa aspettare dal 3DS (e, in misura molto minore, dal Wii) nei prossimi mesi.

Read More

Sembra un Prinny ma non è

Le stelle si allineano, i pianeti si mettono in riga per due e le software house giapponesi si ammucchiano. Si ammucchiano e diventano cose diverse da quelle che erano prima, ovvio. Si arriva quasi al punto di non riconoscerle più. Per dire, quella macchiolina sotto la suola dello stivale di cuoio di Konami è proprio l’ape di Hudson. O, meglio, quello che ne rimane. Poi, ovvio, per gente che ha assistito all’incestuoso matrimonio tra Square e Enix (o tra Namco e Bandai) è robetta. Come è robetta la fusione parziale e momentanea tra Intercept e Marvelous AQL (che a sua volta è un’idra a tre teste: Marvelous, AQ Interactive e Liveware), impegnate a mettere assieme un nuovo videogioco per 3DS che sì, vogliamo crederci.

Read More

Una bella borsina porta Vita azzurrona e il mondo ti sorride!

È il giorno di PlayStation Vita. Cioé, sarebbe domani, ma domani è sabato e questo depresso blog d’informazione il sabato e la domenica tendenzialmente si svacca senza ritegno sul divano, quindi anticipiamo. Che poi, a voler fare i precisetti proprio a tutti i costi, quando in Giappone saranno le sette di mattina, da noi sarà ancora venerdì 16, cioé oggi. Perché è già alle 7am che molti rivenditori e negozi specializzati di elettronica apriranno le importe a chi ha deciso di passare qualche ora all’addiaccio per potersi portare a casa quanto prima la nuova console Sony.
A tal proposito tutti i giocatori giapponesi saranno di certo stati più che soddisfatti di fronte alla notizia, proposta da Mainichi Digital e quindi rimbalzata dal solito Andriasang, che Sony avrebbe già distribuito 200.000 PS Vita aggiuntive, oltre alle 500.000 previste inizialmente. La notizia, pur non ufficialmente confermata, trova comunque riscontro nella realtà dei fatti: pare che siano molteplici i negozi che abbiano assicurato ai propri clienti la possibilità di recarsi sabato in negozio per acquistare PlayStation Vita anche senza alcun preordine.

Read More

Miyamoto: piccolo è bello.

Non ci può distrarre un attimo, nel dannatissimo mondo dei videogiochini. Ti fermi per prendere fiato ed ecco che arriva una notizia che te lo toglie, il fiato, altro che ridartelo. La notizia è quella di ieri, quella che vuole un Miyamoto tradotto in qualche maniera (o interpretato in un’altra, che è lo stesso) pronto al (pre)pensionamento dorato. Una bomba? E come no, se arriva addirittura ad occupare un angolo del Corriere della Sera. Giusto un estratto di un’intervista (fiume?) che verrà pubblicata settimana prossima sulle pagine di Wired. Da una parte Kohler, ex stopper teutonico dai piedi marmorei della Juve che fu e ora collaboratore di Kotaku. Dall’altra Mastro Shigeru. In mezzo il suo traduttore ufficiale, Yasuhiro Minagawa. E noi qui, ad assistere a uno spettacolo che comunque la metti, qualcosa vorrà pur dire.

Read More

Soddisfatti dalle modalità di gioco online di Mario Kart 7?

Oggi credo in una Nintendo diversa, perché oggi da Kyoto hanno lanciato nell’internett-o-sfera il segnale binario che aggiorna i 3DS. E li aggiorna aggiungendo un sacco di piccole accortezze che fanno credere, per l’appunto, in una Nintendo diversa, capace di rendersi conto dell’anno in cui viviamo. O perlomeno del secolo. Come giudicare altrimenti l’ingresso di 78 “imprese” (accomplishments in inglese) nei due giochi di sistema, ovvero Pazzi per i pezzi e Libera Mii? Esatto, sono gli achievement, o almeno loro parenti di secondo grado. Per questo le righe che seguono vanno prese come una lamentela ma anche come una sorta di lettera aperta, che non servirà a nulla, ma è bello credere il contrario, dai.

Read More

Apertura

SqAUre Enix? Qualcuno nel reparto grafico non supererà la nottata...

Il buon Magiustra, che sa indubbiamente il fatto suo, scriveva qualche giorno fa su queste stesse pagine del nuovo corso intrapreso da (una fetta di) Nintendo con Kid Icarus per 3DS. Un corso edificato sulle basi di quanto fatto in tempi recenti da Level 5, che sembra aver trovato una strada perfetta per uscire dalla crisi in cui versa l’intero mercato nipponico dei videogiochi. Bei titoli, innanzitutto, e contaminazioni a manetta: si costruisce un gioco e gli si affianca una serie animata, o un lungometraggio, o un manga, e si va dritti dritti a titillare in un sol colpo più passioni tra quelle considerate ‘classiche’ per il pubblico giapponese. Ebbene, dopo Nintendo arriva un altro marchio a emulare le gesta di Level 5, e anche in questo caso non si parla di un marchio da poco. Tutt’altro, visto che si tratta di Square Enix.

Read More