La gentil concessione di Nintendo

Soddisfatti dalle modalità di gioco online di Mario Kart 7?

Oggi credo in una Nintendo diversa, perché oggi da Kyoto hanno lanciato nell’internett-o-sfera il segnale binario che aggiorna i 3DS. E li aggiorna aggiungendo un sacco di piccole accortezze che fanno credere, per l’appunto, in una Nintendo diversa, capace di rendersi conto dell’anno in cui viviamo. O perlomeno del secolo. Come giudicare altrimenti l’ingresso di 78 “imprese” (accomplishments in inglese) nei due giochi di sistema, ovvero Pazzi per i pezzi e Libera Mii? Esatto, sono gli achievement, o almeno loro parenti di secondo grado. Per questo le righe che seguono vanno prese come una lamentela ma anche come una sorta di lettera aperta, che non servirà a nulla, ma è bello credere il contrario, dai.

L’ultima settimana è stata campale per la nuova console portatile con lo schermo 3D: per accorgersene è sufficiente tenerla in stand-by, il led arancione lampeggerà spesso e volentieri, indicando la presenza online di un amico. Perché sì, la gente è tornata (o ha cominciato) a giocare col 3DS, grazie a Super Mario 3D Land, prima, e soprattutto a Mario Kart 7, poi. L’arrivo della funzione per registrare video in 3D, per scaricare durante lo sleep dall’eShop e le nuove versioni dei due giochi sopra citati corrispondono alle ciliegine su di una torta che comunque conta all’appello altre “fette” piuttosto interessanti: da Shinobi a Sonic Generations, passando per il nuovo PES 2012 che, finalmente, introduce il gioco online.

Un gran bell'artwork no? Non c'entra nulla, ma ci piace tanto

Ma le qui presenti righe sono dedicate a Mario Kart 7 e alle sue opzioni per il multiplayer via rete. Ora, va da sé che la prima, mortale, manchevolezza del gioco è costituita dalla mancanza del supporto al microfono: giocare a Mario Kart, con i propri amici, senza poter commentare in diretta quanto sta succedendo, toglie buona parte del divertimento. Certo che è una riflessione a buon mercato, ma non è che sia poi tanto stupida: Mario Kart 7, come i suoi predecessori, è un gioco di guida che non premia chi sa guidare al meglio. Per questo è divertente, perché tutto può sempre succedere e una competizione non è mai decisa fino al metro che precede il traguardo. Questo vuol dire che l’imprevisto, l’assurdo e il saraccone sono sempre presenti, sono il cuore del gioco anche più della curva presa davvero da professionisti… e se all’imprevisto togli il commento che lo segue, se togli, insomma, il divertito volersi male tra i partecipanti, allora togli buona parte del divertimento, come detto.

Ma non è neanche di questo che si vuole discutere, l’argomento del contendere sono le comunità, ovvero la grande novità per quanto riguarda il gioco online di Mario Kart 7 rispetto ai suoi due predecessori “collegati” (Mario Kart DS e Mario Kart Wii). Lasciamo perdere che il sottoscritto abbia seri problemi a collegarsi con le comunità, dovrebbe essere “solo” un problema della mia linea ADSL di Fastweb quando prova a chiacchierare con altra gente (problema che attanaglia solo il gioco online su 3DS, oltretutto). Passiamo invece alle opzioni offerte da Nintendo: l’idea è semplice, si crea una comunità in cui è possibile decidere la cilindrata (da 50cc a 150cc, nelle gare online “semplici” si corre sempre sulla 100cc, invece) e la tipologia di armi utilizzate (tutte, solo gusci, solo banane, solo bombe, nessuna, etc.). A questo punto si dà il codice della comunità a tutti gli amici che si vogliono invitare nella comunità stessa, e già questa è una gran bella rottura, tutta marchiata Nintendo.
Supponiamo fosse impensabile proporre un motore di ricerca per nome della comunità o, alla peggio, l’elenco delle comunità create da giocatori che si ha nella propria lista amici, vero?

Passiamo oltre al codice: siete tutti nella stessa comunità, presenti nello stesso momento, cosa si può fare? Si può “chiacchierare” scegliendo tra un frasario preconfezionato e poi si va a correre. Tutto a posto. Poniamo invece che accendo il mio 3DS a caso e voglio giocare con qualche mio amico: oggi come oggi non è possibile spedire messaggi attraverso il sistema operativo del 3DS, quindi devo sperare che la gente sia già nella comunità e stia lì, a fissare il muro, aspettando che qualcun altro del gruppo si palesi. Non è nemmeno concesso lasciar messaggi su di una bacheca virtuale della comunità, giusto per organizzarsi anche se in differita, per così dire. Una scomodità atroce.

Torniamo velocemente alle armi, poi: perché permettere di scegliere solo quali gruppo di bonus/armi attivare e non, invece, lasciare totale libertà? Un bell’elenco a cui applicare e togliere una spunta: “banana sì, guscio blu no, guscio rosso sì, bomba sì, fungo no”, e via andando. Anche questa è fantascienza supponiamo.
Che ne dite, invece, di poter organizzare veri e propri gran premi con punti distribuiti a ogni gara e un vincitore finale? Esatto, come succede nella modalità per singolo giocatore. Impossibile anche questo, si suppone.

E insomma: va bene che si va avanti, che poco per volta anche Nintendo si accorge che alla gente piace giocare online, ma anche in questo caso pare che l’online per un loro titolo sia una gentile concessione, piuttosto che una seconda porzione di gioco in cui è stata infusa la vera anima perfezionista e sorprendente che invece aleggia nelle modalità di gioco più tradizionali di tanti titoli Nintendo. Peccato.

Hai qualcosa da dire a riguardo?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: