Nintendo 3DS: arrivano i 10 giochi NES

Da domani avrete un motivo per riaprire i vostri 3DS

Prende il via il Programma Fedeltà di Nintendo, conosciuto al di là dell’oceano sotto il titolo di “Nintendo Ambassadors”, che poi continuano a essere quelli che si sono portati a casa un Nintendo 3DS tra la fine di febbraio (Giappone) e l’inizio di agosto, prima che il prezzo della console fosse significativamente decurtato. Il taglio è stato reso effettivo dallo scorso 12 agosto, quando anche in questa porzione di mondo i rivenditori hanno iniziato a vendere la travagliata macchina Nintendo al prezzo consigliato di circa 179 Euro.
Se già oggi gli acquirenti giapponesi della prima ora possono mettere le mani attorno ai pacchetti regalo che costituiscono la prima parte del Programma Fedeltà è, ovviamente, solo per questione di fuso orario. Mentre noi si è qui a scaldare la sedia, loro sono talmente produttivi che son già arrivati al 1° di settembre, mica robetta. Così si iniziano a scoprire i percorsi da effettuare per poter scaricare il software che Iwata e il consiglio di amministrazione (o chi per esso) ha deciso di elargire senza che venga scucito un Euro in più. Non che, così facendo, Nintendo abbia poi dimostrato chissà quale inventiva o sorprendente generosità, i dieci titoli per NES che aprono le danze solo pochi anni fa (era il 2002) trovavano allegramente posto nel codice di Animal Crossing per GameCube, per dirne una. Certo che erano altri tempi, in cui l’avvento del digitale e del relativo download selvaggio iniziava solo a intravvedersi. Nonostante questo, non si può che accettare il presente correndo con la mente alla futura e più interessante possibilità di mettere le mani sui giochi per Game Boy Advance, decisamente più interessanti.

In Italia ci piace chiamarlo "Programma Fedeltà"

Per poter, comunque, reclamare con successo ciò che vi è dovuto, non dovrete far altro che accedere al Nintendo eShop attraverso il vostro fido Nintendo 3DS. A patto, caso mai ve lo foste perso, di esservi resi eleggibili per la promozione… a patto, ovvero, di aver già proceduto all’accesso all’eShop precedentemente al 12 agosto. Se così è stato, domani troverete i dieci giochi per NES (vedi sotto per i dettagli) pronti ad aspettarvi nella vostra cronologia degli acquisti. Esattamente: i titoli a 8-bit non compariranno difatti nell’elenco dei giochi presenti sugli scaffali dell’eShop, nascondendosi invece nei dettagli del proprio account. Scelta obbligata, considerata la natura esclusiva e non pubblica dell’iniziativa.

Il tutto si tradurrà nel dover accedere all’eShop e quindi nel visitare la sezione “Impostazioni”, chiudendo con un tocco su “Software scaricati”. I vari Zelda e Ice Climber dovrebbero (il condizionale è sempre e comunque d’obbligo) aspettarvi lì, belli, placidi e vecchi come la morte. Non solo: Nintendo ha preparato un filmato da scaricare (con le stesse modalità sopra descritte) che conterrà, una volta lanciato, una sorta di link da attivare per iscriversi a qualcosa che si suppone essere un servizio di allerta dedicato agli altri dieci giochi, quelli del Game Boy Advance.

Solo così si verrà ricontattati (attraverso una notifica nella console?) quando i primi titoli del GBA saranno messi a disposizione, il che succederà tra qui e la fine dell’anno. Se ancora aveste qualche dubbio, consigliamo una bella visita al sito ufficiale Nintendo.

Ora, non è per fare i lamentosi a tutti i costi, ma questa prima puntata del “rimborso” Nintendo parla da sé e lo fa coi rutti, come i peggiori cugini delle migliori canzoni. Se è vero che parte dell’utenza cui è destinato il Programma Fedeltà sarà solo titillata dall’idea di poter scaricare qualche gioco senza sborsare un soldo, perché tutto sommato chi ha prenotato la console per portarsela a casa il primo giorno di messa in vendita, ha evidentemente ritenuto più che accettabile il prezzo… è altrettanto vero che ridursi al solito filotto di vecchissimi classici per tanti di quegli oltre 4 milioni di acquirenti si tramuterà in un bagno di mestizia e noia. Posto che poi chi ha effettuato l’accesso all’eShop non sarà la totalità dei clienti, questo è certo. Ma… ma perché non provare a puntare un po’ più in là?

Come ricordato in occasione di un altro post, Microsoft nel 2002 decise di regalare alla propria utenza giochi veri e propri, nel senso di giochi attuali (all’epoca), anche di un certo peso. Percorrere la stessa strada per Nintendo era possibile? Al di là di questioni di legalese spinto, ci pare di poter dire di sì. Perché non promettere Super Mario 3D Land e Mario Kart 7? O, alternativamente, perché non assegnare a ogni giocatore un corposo credito sull’eShop? In questo modo non solo si sarebbe fatta cosa gradita all’utente, ma ne avrebbe risentito in positivo anche lo stesso eShop, graziato da un innesto di liquidi, che a sua volta avrebbe forse portato a un maggior movimento da parte sia degli sviluppatori, che della stessa Nintendo (no, Urban Champion in 3D ve lo potete tenere da qui fino alla fine del mondo, dateci altro, grazie).

Alla fin della fiera, però, i dieci giochi originariamente pubblicati su Nintendo Entertainment System e da domani disponibili per il download gratuito saranno: Super Mario Bros., Donkey Kong Jr., Balloon Fight, Ice Climber, The Legend of Zelda, Metroid, Nintendo Open Tournament Golf, Wrecking Crew, Yoshi e Zelda II: The Adventure of Link

1 commento

Hai qualcosa da dire a riguardo?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: